seguimi tramite email

martedì 25 dicembre 2012

ZUCCHERINI MONTANARI


A Natale mi piace regalare delle cose preparate da me.
Quest'anno mi sono cimentata in questi biscotti tipici dell'appennino tosco-emiliano.

INGREDIENTI:
500 gr di farina
200 gr di zucchero
3 uova
1 bustina di lievito per dolci
80 gr di olio di semi
10 gr di latte
10 gr di liquore all'anice
(oppure due cucchiai di semi di anice, se preferite)

PER LA GLASSA:
300 gr di zucchero
30 gr di farina
150 gr di liquore all'anice 

Impastare tutti gli ingredienti insieme, fare delle ciambelline, adagiarle sulla teglia del forno, e cuocere a 180 gradi per 15 minuti.

Quando sono freddi, preparare la glassa mettendo in una pentola sul fuoco lo zucchero con la farina e l'anice. Immergere i biscotti, e metterli ad asciugare su un piano, distanti uno dall'altro. Se si ama molto la glassa si può ripetere l'operazione due volte.   
 



lunedì 17 dicembre 2012

TORTA DI COMPLEANNO





E' il compleanno di mio marito!
Questa torta è farcita con crema al mascarpone, ricotta e nutella, e ricoperta di panna.

Stavolta invece di un pan di spagna ho usato una vera e propria ciambella.

PER LA CIAMBELLA:
300 gr di farina
300 gr di zucchero
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
3 uova
150 gr di burro
180 gr di latte

Amalgamare tutti gli ingredienti, mettere in uno stampo imburrato e infarinato, e cuocere in forno statico a 180 gradi per 40 minuti circa.

PER LA FARCIA:
250 gr di mascarpone
250 gr di ricotta (quella cremosa, per intenderci quella confezionata del supermercato)
2 uova
125 gr di zucchero a velo (una busta)
nutella

Mettere in una ciotola il mascarpone, la ricotta, lo zucchero, e i tuorli, e amalgamare.
A parte montare gli albumi con un pizzico di sale.
Unire gli albumi montati al resto del composto.

Tagliare a metà la ciambella, ricoprire la metà inferiore con la crema ottenuta, scaldare un po' la nutella e farne colare un po' sulla crema.

Ricoprire con l'altrà metà della ciambella. 

PER LA PANNA:
io ho usato una panna 100% vegetale perchè non si smonta, e qualche colorante (di quelli italiani, che sono approvati per la salute dei bambini)


Esteticamente potevo fare molto di meglio... però è buonissima!

 

martedì 11 dicembre 2012

FIORI ALL'UNCINETTO





Primo giro:
avviare 40 catenelle

Secondo giro:
fare una maglia alta in ogni catenella sottostante

Terzo giro:
nella prima maglia alta sottostante fare una maglia alta, tre catenelle, una maglia alta, una catenella, poi saltare una maglia alta e ripetere.

Quarto giro:
nel buco sotto le tre catenelle fare dieci maglie alte, nel buco sotto la catenella singola fare una maglia bassa.

Ultimo giro (a piacere):
fare una maglia bassa su ogni maglia sottostante. 

Alla fine si attorciglia il fiore su se stesso, e si cuce in tutto lo spessore per fissarlo.
Può essere applicato ad un cerchietto, ad un elastico per capelli, ad un fermaglio, ad una spilla, ad una borsa, oppure con la colla a caldo gli si può applicare uno stelo rivestito di carta verde e lo si può mettere in un vaso, magari insieme ad altri. 
     

lunedì 10 dicembre 2012

RAVIOLI DI SEMOLA DI GRANO DURO

Era la prima volta che facevo la pasta ripiena facendo una pasta di semola e non una pasta all'uovo. Ma sono venuti proprio bene, e sono buonissimi.

Per la pasta: 600 gr di semola di grano duro, un generoso pizzico di sale, 300 gr di acqua calda.
Per il ripieno: 500 gr di ricotta, 200 gr di formaggio grattugiato, sale e noce moscata.

Impastare bene la semola per almeno dieci minuti fino a ottenere un impasto sodo e liscio, poi lasciar riposare almeno un'ora avvolta nella pellicola.
Tirare la pasta dello spessore desiderato e fare i ravioli.

   

giovedì 29 novembre 2012

GNOCCHETTI SARDI fatti in casa

Oggi mi sono fatta un regalo bellissimo! La Millegnocchi della Imperia, un accessorio che si aggancia alla classica macchina per la pasta, quella che qualcuno chiama "nonna papera".

Ho impastato 5 uova con 4 etti di farina e 1 etto di semola di grano duro, poi ho fatto dei lunghi salsicciotti, che inseriti nella Millegnocchi, hanno prodotto questi meravigliosi gnocchetti sardi.

  

VARIANTE DI SEMOLA ... tricolore

Qui ho impastato semplicemente semola e acqua in quelli bianchi, ho aggiunto concentrato di pomodo in quelli rossi, e broccoli in quelli verdi.
Per ottenere un impasto sodo la quantità di acqua è circa metà del peso della semola. 

   

gnocchetti ai formaggi
 

lunedì 12 novembre 2012

BRETZEL

INGREDIENTI:
500 gr di farina
2 cucchiaini di sale
50 gr di burro morbido
270 ml di acqua tiepida
un cucciaino di zucchero
un cubetto di lievito di birra

Una pentola di acqua e 3 cucchiai di bicarbonato.


Mettere la farina con il sale in una ciotola, aggiungere il burro morbido.
Far sciogliere il lievito nell'acqua tiepida insieme allo zucchero.

Impastare bene e lasciar lievitare, ben coperto, per un'ora.

Riprendere l'impasto e maneggiare ancora un po'.
Dividere in otto parti, o anche di più se si vogliono fare più piccoli. Fare dei lunghi salsicciotti, dargli la forma tipica del bretzel, e farli lievitare altri venti minuti sulla teglia, coperti.

Nel frattempo mettere a bollire una pentola di acqua. Quando bolle aggiungere 3 cucchiai di bicarbonato, e mettere a mollo i bretzel, uno alla volta, per circa 20-30 secondi, poi scolarli con una schiumarola e adagiarli sulla teglia. Cospargere con sale grosso, ed eventualmente anche con semi di sesamo.

Infornare a 220 gradi per 20 minuti circa, finchè non avranno raggiunto il tipico colore bruno. 

 

giovedì 1 novembre 2012

GNOCCHI DI RICOTTA senza glutine

500 gr di ricotta
270 gr di farina senza glutine (io ho usato la Schar mix universale)
200 gr di grana padano
un generoso pizzico di sale
2 uova

Ieri sera è venuta a trovarmi Chiara, un'amica celiaca, con il suo fidanzato Davide.
Siccome mi sembra sempre poco carino fare un menu a parte, di solito penso a un intero menu senza glutine, che vada bene per tutti.
E questi gnocchi sono molto piaciuti.
Sinceramente sono piaciuti molto anche a me, quasi di più di quelli fatti con la farina normale.
Farli è molto semplice, si impastano tutti gli ingredienti, si fanno i salsicciotti e si tagliano a tocchettini.
Si mettono in acqua bollente salata e quando vengono a galla sono pronti da scolare e condire.
Io li ho conditi con un semplice sugo di pomodoro con odori frullati (cioè ho soffritto sedano, carota e cipolla, ho messo il pomodoro e un goccio di latte, un pizzico di sale, e ho passato tutto al minipimer per ottenere una salsa vellutata).

giovedì 11 ottobre 2012

CALZONI AL FORNO

1 kg di farina
2 cucchiai di sale
2 cubetti di lievito di birra fresco
700 gr di acqua tiepida
un bicchiere di olio di oliva

farcitura a piacere


Mettere in una ciotola capiente la farina con il sale. Prendere dai 700 gr di acqua un bicchiere e scioglierci dentro il lievito. Versare sulla farina il lievito sciolto, l'olio e il resto dell'acqua, e impastare bene. L'impasto resterà molto morbido.
Coprire la ciotola e lasciar lievitare per un'ora.
Riprendere l'impasto, maneggiarlo per qualche secondo, e poi prenderne piccole quantità, stenderle di uno spessore di circa mezzo centimetro, mettere al centro la farcitura preferita (salumi, formaggi, verdure, ...) e chiudere il calzone sigillando i bordi con i rebbi di una forchetta. 
Lasciar lievitare ancora mezz'ora/un'ora sulla teglia, coperti con un telo.
Cuocere in forno statico a 200 gradi per circa 20-30 minuti.


Se il vostro stomaco funziona bene, invece di farli al forno potete friggerli!
Buon divertimento e buon appetito!

domenica 23 settembre 2012

GNOCCHI COI FIOCCHI

E' proprio il caso di dirlo... non solo perchè sono venuti benissimo, ma perchè sono fatti coi fiocchi per il purè.

Ingredienti per 6 persone:

3 buste da 75 gr ciascuna di fiocchi per purè
1 lt di acqua tiepida
un po' di sale
1 uovo
400-500 gr di farina (più quella per non farli attaccare ai vassoi)

Si mettono i fiocchi di patate in una ciotola, si aggiunge il sale, poi si aggiunge l'acqua mescolando finchè i fiocchi l'avranno assorbita tutta.
Si aggiunge l'uovo, e poi la farina, fino ad ottenere un impasto lavorabile con le mani.

Poi su una spianatoia (io uso il foglio di silicone) si sparge parecchia farina, così come sul vassoio dove andranno adagiati gli gnocchi, e si comincia a fare i salsicciotti e a tagliali a tocchetti, per poi metterli a riposare sul vassoio in attesa della cottura. 

Si fa bollire abbondante acqua salata, si buttano gli gnocchi e quando risalgono a galla sono pronti da scolare e condire.

Io li ho fatti in due modi: in una padella avevo pronto il ragù di carne, nell'altra avevo preparato una piccola fonduta con qualche formaggio che avevo in frigo, compreso un po' di gorgonzola (che ha sempre il suo perchè).

Sono venuti ottimi e belli sodi, come piacciono a me. 

Il vantaggio dei fiocchi di patate è ovviamente che si risparmia tutto il tempo di bollire le patate, sbucciarle, schiacciarle e aspettare che si raffreddino, prima di procedere a fare tutto il resto. PROVARE PER CREDERE!

 

lunedì 17 settembre 2012

TENERINA AL CIOCCOLATO

Questa è una torta facilissima e buonissima, per gli amanti del cioccolato.

INGREDIENTI:
150 gr di cacao zuccherato
50 gr di cacao amaro
250 gr di zucchero
4 cucchiai rasi di farina
4 uova
200 gr di burro fuso

Si mettono insieme tutti gli ingredienti, si mescola bene, anche con le fruste elettriche se si preferisce, poi si mette in uno stampo e si inforna a 180 gradi per 30-40 minuti.

Io poi la copro di zucchero a velo e la servo così, ma si può guarnire anche con qualche ciuffetto di panna montata. 

PER CHI AMA ESAGERARE:
si mette una piccola mattonella di torta su un piattino, la si fa scaldare appena al microonde, poi la si ricopre con una cucchiaiata di crema al mascarpone fresca. 
 

PANNA COTTA

 Ingredienti:

1 litro di panna fresca
6 fogli di gelatina (colla di pesce)
una bustina di vanillina
300 gr di zucchero a velo


La panna cotta è un dolce molto semplice ma molto gradevole, e si presta anche a delle variazioni.

Bisogna mettere a bagno in acqua fredda i fogli di gelatina finchè diventano morbidi.
Nel frattempo si mette la panna con lo zucchero e la vanillina in una pentola e si fa scaldare bene fino a far sciogliere lo zucchero, mescolando per sciogliere eventuali grumi.
NON FAR BOLLIRE.
Quando è calda, continuando a mescolare, si aggiunge la gelatina strizzata, che a contatto con la panna calda si scioglie in pochi secondi.
Si mette in uno stampo e si fa raffreddare, poi si mette in frigorifero per qualche ora prima di servire.

Si presta bene all'aggiunta di cacao, nutella, caffè (meglio solubile), o altri sapori a piacere.
Si può guarnire con salse di frutta, salse al cioccolato, caramello, o secondo i gusti.

mercoledì 18 luglio 2012

CHIOCCIOLINE INNAMORATE

Tra poco è l'anniversario di matrimonio dei miei zii, e mi è venuta un'idea per un regalino.
Due chioccioline amigurumi!
Ecco qui il risultato.

 

lunedì 16 luglio 2012

SPATZLE 

Sono gnocchetti tirolesi, e sono davvero buonissimi.
In verità è una normale pasta all'uovo, ma ha di speciale la forma e il modo in cui si fa.

Ho cercato per un po' di tempo lo strumento per fare questa pasta, ma non l'avevo trovato.
Finchè un giorno una cara amica me l'ha regalato, e io ne sono stata felicissima.

INGREDIENTI PER LA PASTA:
un uovo per ogni etto di farina, un pizzico di sale, un cucciaio di olio d'oliva, acqua quanto basta perchè l'impasto risulti colloso, morbido ma non liquido.

INGREDIENTI PER IL CONDIMENTO:
qui si va in base ai gusti... essendo un piatto tirolese si sposa bene con lo speck.
Io stavolta ho fatto un condimento di pancetta, zucchine e panna.

Ho rosolato la pancetta con un pochino di cipolla (io uso la cipolla secca, che è più digeribile), poi ho tritato un po' la pancetta già cotta nel mixer (non l'ho tritata cruda perchè si sfilaccia e non viene tritata come piace a me). Mentre la pancetta era nel mixer, ho usato la stessa padella per cuocere le zucchine che avevo lavato e grattugiato a filini, e dopo qualche minuto ho messo di nuovo anche la pancetta. Ho aggiunto la panna... e ho aspettato che fosse ora di preparare la pasta. 



Per fare la pasta metto in una ciotola 6 etti di farina, 6 uova, un po' di sale, un cucchiaio di olio, e inizio ad aggiungere acqua poco per volta mescolando. Continuo fino ad ottenere un impasto molle, colloso, ma non troppo liquido. Poi per comodità lo trasferisco in una caraffa alta e stretta.
Io l'impasto lo preparo almeno un'ora prima del pasto, così la farina ha tempo di unirsi bene alle uova e all'acqua. 




Quando arriva l'ora del pasto prendo la "grattugia per spatzle" e la ungo con un po' di olio. Metto a bollire una pentola di acqua e sale (come per fare una normale pasta asciutta).
Quando l'acqua bolle, appoggio la grattugia sulla pentola, inizio a colare nel "cubo" l'impasto, e faccio scorrere avanti e indietro fino ad esaurimento dell'impasto.




In questo modo colano piccoli gnocchetti che si rapprendono immediatamente a contatto con l'acqua bollente, e appena risalgono sono pronti.
Li raccolgo con una schiumarola e li getto nella padella del condimento, insieme a un pochino di acqua di cottura, affinchè il condimento si mantenga morbido e cremoso. 


E questo è il risultato! A me piacciono da impazzire, e devo dire che anche gli amici che li hanno mangiati fino ad ora ne sono stati entusiasti.




 Si possono fare anche verdi, aggiungendo all'impasto degli spinaci lessati e tritati.
Appena li provo ve lo dico!
 

venerdì 22 giugno 2012

CHEESECAKE con salsa di fragole

Per la base: 180 gr di biscotti secchi, 100 gr di burro fuso.
Per la crema: 250 gr di ricotta, 250 gr di mascarpone, 150 gr di zucchero, 4 uova, 1 bustina di vanillina.
Per la copertura: salsa di fragole (o qualsiasi marmellata si gradisca... secondo me mirtilli, frutti di bosco misti, e lamponi sono quelle che si abbinano meglio).

Polverizzate i biscotti nel mixer e amalgamateli con il burro fuso, poi stendete in maniera omogenea in una tortiera aiutandovi col dorso di un cucchiaio.

Unite tutti gli ingredienti per la crema in modo che non ci siano grumi, poi versate il composto sulla base, e cuocete in forno a 180 gradi per 30 minuti. 

Mentre si raffredda potete preparare la copertura. Io ho usato una salsa di fragole che era già molto morbida, quindi non ho fatto altro che versarla sopra.
Se usate un'altra marmellata, scaldatela un po' in un pentolino e aggiungete un po' di succo di limone, poi versatela sulla torta.

Mettete in frigo per due o tre ore. Più è fresca e più è gustosa.

sabato 16 giugno 2012

MUFFIN FORMAGGIO E ZUCCHINE

250 gr di farina
1 cucchiaino di sale
1 bustina di lievito istantaneo per torte salate
100 gr di zucchine cotte
100 gr di formaggio a cubetti
50 gr di parmigiano grattugiato
2 uova
200 ml di latte
50 gr di burro
COTTURA: 180 gradi per 25 minuti.


Prima di tutto bisogna pulire le zucchine e tagliarle a pezzettini.
Io faccio soffriggere un po' di cipolla con un pochino di olio, poi metto le zucchine e due bei pizzichi di sale.
Quando le zucchine sono quasi cotte le spengo e le lascio raffreddare.



Metto tutti gli ingredienti solidi in una ciotola, e per ultimi unisco gli ingredienti liquidi. 
Quando l'impasto è pronto lo metto nei pirottini (io uso quelli di silicone), poi inforno a 180 gradi per circa 25 minuti.






Morbidi, profumati, buoni.
Le zucchine si possono sostituire con qualsiasi altro ingrediente, che sia verdura o salume a cubetti.

domenica 27 maggio 2012

TORTA RIPIENA... con camy cream alla nutella

Finalmente ho usato la mia tortiera Wilton nuova.


Ho fatto 6 uova di pan di spagna al cacao (180 gr di zucchero, 6 uova, 180 gr di farina, mezza bustina di lievito, 50 gr di cacao), e l'ho diviso nelle due tortiere, dopo averle imburrate e infarinate.


E queste sono le due metà dopo la cottura.

Ho preparato una camy cream meno densa di quello che dovrebbe essere, mescolando 500 gr di mascarpone con 400 gr di latte condensato e 200 gr di nutella, poi ho aggiunto circa 300 gr di panna montata. Ho usato questa crema per riempire le due cavità interne, poi ho messo una torta sopra l'altra e ho ricoperto con altra panna montata e decorato con codine di zucchero colorate (quello che ho trovato in dispensa dai miei, ...siccome non ero a casa mia non avevo tutti i miei attrezzi, e la decorazione è stata piuttosto limitata)


Ed ecco l'interno!



 

venerdì 25 maggio 2012

SALSA DI FRAGOLE

Eccomi! 
Nonostante questa strana settimana "traballante", mercoledì sono riuscita a fare questa salsa di fragole.
Sono andata da una mia cara amica che ha un'azienda agricola, ho comprato delle fragole buonissime, ma la mia amica era un po' seccata per il fatto che questa pioggia le ha rovinato parte delle sue belle fragole. E visto che quelle crepate non le può vendere, me ne ha regalati tre chili per fare la marmellata.
Diciamo che più che una marmellata è uscita una salsa di fragole, molto buona da mettere ad esempio sul gelato, oppure da addizionare alla gelatina e da usare sulla cheescake o nei semifreddi.
Mi farò certamente venire delle idee per utilizzarla al meglio. 


Ho lavato e tagliato le fragole, le ho messe in una grande pentola, addizionate con un po' di succo di limone e con la pectina, le ho fatte bollire qualche minuto, poi ho aggiunto un chilo di zucchero per ogni chilo di fragole e fatto bollire ancora un po'.
Nel frattempo ho bollito i vasi di vetro in un'altra pentola piena d'acqua, poi li ho asciugati bene.

Ho frullato tutto il composto con il frullatore a immersione.
 Ho riempito i vasi finchè la salsa era ancora bollente, messo il coperchio, e capovolto i vasi fino a completo raffreddamento. 

domenica 20 maggio 2012

PAURA... ma un nuovo regalo

Oggi sono un po' (eufemismo!) spaventata da questo grosso terremoto.
Da stanotte la terra non smette di tremare e qui a Bologna si balla parecchio. 
Ho qualche preoccupazione per i miei parenti che abitano nel ferrarese e nel modenese, ma per ora stanno tutti bene, anche se nelle loro case si è rovesciato tutto.
Io ho la nausea, un po' per il terremoto e un po' per la paura, e ho frequentato il bagno diverse volte... Speriamo che sia finita.


Però per tirarmi un po' su di morale vi racconto che ho ricevuto un regalo bellissimo, che desideravo da tempo. Domani è il nostro anniversario di matrimonio e mio marito mi ha regalato una tortiera Wilton. Fantastica! Appena la spiano vi faccio vedere.
E ieri mi sono fatta un regalino anche da sola. Ho comprato tre stencil che userò per decorare le torte. Non vedo l'ora. 


Per oggi è tutto. Speriamo che la terra si fermi... stanotte sarà difficile dormire.
 

sabato 19 maggio 2012

IL MIO VASO DI FIORI

Fiori fatti con l'uncinetto e tanto cotone colorato. Un passatempo rilassante, un rifugio nei momenti tristi, un tocco di colore con dei fiori che non appassiranno a causa del mio pollice nero.

Per fare il "vaso" ho usato un rotolino vuoto di carta igienica, degli stuzzicadenti lunghi da spiedini, delle mollette da bucato, colla vinilica, colore acrilico rosso, vernice acrilica lucida, polvere di brillantini. 

 




Ho applicato tre farfalline al vasetto con un po' di colla. 
Per farle stare rigide le avevo spruzzate con lacca per capelli e lasciate asciugare. 

venerdì 18 maggio 2012

RAVIOLI DI RICOTTA ...all'aceto balsamico

PER LA SFOGLIA: 1 kg di farina, 10 uova.
PER IL RIPIENO: 1 kg di ricotta, sale, prezzemolo, 300 gr di parmigiano grattugiato, 2 uova.

Mettete la farina a fontana e al centro le uova. Partendo dal centro iniziate a mescolare pian piano con una forchetta fino a quando la maggior parte della farina si sarà incorporata alle uova. Proseguite con le mani e impastate a lungo, fino ad ottenere un impasto liscio.


Mescolate gli ingredienti per il ripieno.

Lasciate riposare la pasta coperta con un nilon per un'oretta, poi iniziate a tirarla. 

Le più brave ed esperte possono tirarla con il mattarello. Io l'ho fatto con la macchinetta :-) 
Formate i ravioli con la tecnica che preferite. Io ho ricavato dei dischetti e li ho chiusi aiutandomi con una forma per ravioli. 


Lasciateli asciugare un po', disposti su un vassoio sul quale avrete messo un tovagliolo di cotone. Poi mettete ogni vassoio in congelatore, e solo quando i ravioli saranno ben congelati, potete metterli in un sacchetto, pronti da cuocere quando ne avrete voglia. 


Si possono condire in molti modi.
Questa volta li abbiamo conditi con burro fuso, grana, e aceto balsamico.
Ho fatto in tempo a fotografare gli ultimi... prima che mio marito li divorasse. :-)

TORTA PER MARINA

Questa sera vado a cena dalla mia collega e amica Marina, che ha finito di ristrutturare e riarredare la sua casa e ci ha invitati a vederla e a cenare insieme.
Ognuno porta qualcosa, io mi sono proposta per il dolce.
Ecco la torta!


Si tratta di un pan di spagna farcito con crema al mascarpone e amaretti, ricoperto e decorato con pasta di zucchero.


LAVORETTI CON LE MOLLETTE DA BUCATO

Con la stessa tecnica dei portapenne (ma in questo caso non serve il rotolino della carta igienica), si possono creare altri oggetti.
Io ho fatto un portafoto, colorato con acrilico blu, lucidato con vernice acrilica, e ho aggiunto un po' di brillantini.


E un portatovaglioli... che non ho dipinto perchè mi piaceva color legno, ma ho lucidato e ho applicato un po' di brillantini.


Non ho la foto da farvi vedere, ma avevo fatto anche un sottopentola (che evidentemente ho perso...). Avevo attaccato le mollette formando una ruota. 
In questo caso è meglio lasciarle al naturale, o colorarle con acquerelli, e senza vernice lucida, per evitare che con il calore la vernice si attacchi alla pentola. 

LAVORETTI DI NATALE

Lo scorso Natale io e la mia bimba abbiamo preparato i regalini per nonni e zii. Tanti portapenne colorati. 

OCCORRENTE: un rotolino vuoto (di carta igienica), mollette da bucato (di legno), colla vinilica, pennelli e colori acrilici.








Bisogna togliere la molla d'acciaio e separare le due metà della molletta di legno. Applicare con il pennello la colla vinilica alla parte dritta della molletta e attaccarla al rotolino di cartone. Terminato tutto il giro si lascia asciugare bene. Nel frattempo si può fare la base, con alcune mollette attaccate dai lati.
Quando tutto è asciutto si può colorare con colori acrilici, eventualmente lucidare con una vernice acrilica, e decorare a piacere.
E' un lavoretto che i bimbi riescono a fare con facilità... ovviamente se sono piccoli avranno bisogno di un po' di assistenza da parte di mamma e papà.

mercoledì 16 maggio 2012

ROSE DI PANE

In frigo c'è del lievito che scade tra pochi giorni. Cosa faccio? Non lo lascio certo scadere... non sia mai!
Qui la farina non manca mai, in frigo e in dispensa ci sono sempre tante cose, quindi mi viene l'idea. 
Faccio le rose di pane! 

1 kg di farina, due cucchiai di sale fino, un panetto di lievito di birra da 40 gr circa, mezzo bicchiere di olio di oliva, acqua q.b. per impastare.

Faccio il mio bell'impasto e lo metto a lievitare in una ciotola chiusa con coperchio per un'ora.


Poi lo riprendo, lo rimaneggio per qualche attimo, e lo divido in due parti.
Stendo le due metà con il mattarello... 


 ...sulla prima metto delle fette di prosciutto cotto...





...sulla seconda stendo un trito di funghi trifolati...

Arrotolo le due sfoglie...
 






Taglio a rondelle larghe circa due dita, faccio sbucare un po' la parte centrale, e le dispongo sulle teglie.


Le lascio lievitare un'altra ora sotto un canovaccio, e poi le inforno a 200 gradi per circa 25 minuti in forno ventilato.

Il profumo è davvero invitante....
ED ECCO LE ROSE DI PANE!

Leggermente croccanti fuori, e morbidissime dentro.